“Deposito” di merce contraffatta in un confessionale di una chiesa

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Sequestro della Polizia Locale

Avevano usato il confessionale della Chiesa in via Poli per nascondere la merce contraffatta e darsi alla fuga, ma gli agenti del Pics (Pronto Intervento Centro Storico) sono riusciti a scovare il nascondiglio e porre tutto il materiale sotto sequestro.

Nel corso dell’intervento anti degrado e anti abusivismo nelle vie adiacenti a Fontana di Trevi, alcuni cittadini di nazionalità nordafricana si sono dileguati portando via la merce. Il personale si è messo immediatamente sulle tracce dei venditori abusivi scappati ai controlli, che pensavano di trovare in un luogo sacro un “deposito” sicuro per la mercanzia.

Altro venditore abusivo ha pensato di trovare rifugio nel bagno di un bar in piazza Barberini. Anche in questo caso è stato scoperto dai caschi bianchi. Oltre al sequestro della merce, è stato identificato e sanzionato un cittadino del Bangladesh di 35 anni.

Grazie all’ utilizzo delle motociclette, gli agenti hanno potuto muoversi tra le diverse aree del centro rapidamente ed il bilancio della giornata è stato di 3000 articoli sequestrati. Borse, portafogli, cinte, ombrellini da sole, accessori per telefonia, giocattoli, abbigliamento, scarpe e bigiotteria. Tra questi numerosi i sequestri a carattere penale.

I controlli finalizzati al contrasto di tali fenomeni di degrado proseguiranno nei prossimi giorni.

Scrivi a: redazione@viviroma.tv
Share.

About Author

ViviRoma

Il Gruppo ViviRoma fondato da Massimo Marino nel 1988, nasce come giornale murale per ampliarsi nel tempo in un magazine, TV e WEB.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: