Lodovica Mairè Rogati: italo-inglese con il cuore africano

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Intervista a Lodovica Mairè Rogatiesclusiva

Lodovica bentornata sulle pagine del ViviRoma Magazine, ormai in versione telematica. Era il 2009 quando ti dedicammo la copertina di gennaio che ha avuto un enorme riscontro dal punto di vista delle visualizzazioni: attualmente siamo arrivati a circa 377.000. Quindi, cosa è successo nel frattempo?
Che piacere ritrovarci ! Beh, quasi 10 anni sono una vita, direi di tutto. Professionalmente ho davvero avuto grandi soddisfazioni, ho trovato un profondo equilibrio nel privato e finalmente sono riuscita a ritagliarmi il tempo per pubblicare il mio libro “Cuore Africano”.

rogatiL’Africa è sempre nel tuo cuore? Ci sei tornata e ti sei fatta sedurre dalle meraviglie di questo Paese che vanno, purtroppo, di pari passo con i drammi della gente che ci vive?
L’Africa E’ il mio cuore. Sono tornata molte volte e sempre lasciando lì un pezzo di me alla partenza. I drammi del continente africano non sono di ora, esistono da sempre. Adesso che il Mondo ha aperto un minuscolo varco sulle sue atroci realtà forse le persone comprenderanno meglio le mie parole quando parlo dei genocidi che avvengono nel cuore dell’Africa.

Nello spettacolo sei stata presentatrice, attrice e autrice, quale di questi ruoli ti rappresenta meglio e perché?
Desidero recitare e scrivere. Crescendo ho deciso di interpretare solo personaggi che posso amare. E più sono scomodi e problematici più me li sento addosso. In tutte le mie sceneggiature ho raccontato di donne fuori dagli schemi. Lo faccio perché per tutta la vita sono sempre stata fuori dal coro. Quando a scuola tutte le ragazze facevano in massa qualcosa io andavo nella direzione opposta. Ed è stato così sempre, lo è oggi e lo sarà in futuro. Bisogna accettare la propria natura ed imparare ad amarla. Ma soprattutto bisogna accogliere con serenità e consapevolezza quel brusio di sottofondo, fatto di critiche spesso violente, che accompagna sempre la vita di chi è “diverso”. Sono molto fiera della donna che sono.

Quali sono i tuoi attuali impegni artistici?
Ti senti realizzata o ti manca qualche traguardo da raggiungere?
Ora sto lavorando al mio film. E’ una storia dolorosa, meravigliosa, coraggiosa, drammatica. Il mio obiettivo ora è concentrarmi su questo. E poi c’è un altro progetto importante del quale però non posso dire nulla.

rogatiCi vuoi parlare dei progetti dell’associazione “Io non ci sto” e cosa ti ha spinto a fondarla?
“Io Non Ci Sto” è la mia creatura. Sono così orgogliosa della mia Associazione. L’ho fondata in un momento molto difficile della mia vita in cui sentivo il bisogno di condividere la mia terribile esperienza con altre donne che avevano vissuto il mio stesso dramma di essere vittima di violenza. Al contempo sentivo il dovere di aiutarle. Oggi siamo una grande famiglia ed ogni giorno, purtroppo e per fortuna, accolgo nuove richieste di aiuto.

Cosa pensi dei recenti fatti di cronaca legati alle denunce per molestie sessuali?
Penso che era ora. Penso che il modo in cui ha reagito l’Italia sia osceno. Penso che chi difende i carnefici si debba vergognare. Così come chi ha fatto dell’ironia sui social ed in tv con battute profondamente sgradevoli ed offensive. Non faccio nomi ma ci sono attrici che addirittura hanno pubblicato vignette che prendono in giro le vittime. Che schifo! L’unico Paese al Mondo dove si colpevolizza la vittima e non il carnefice. Per non parlare poi di quelli che blaterano frasi del tipo: “Se l’è cercata”, “Doveva andare via subito” o altre bestemmie di questo tipo. E soprattutto quelle che hanno dichiarato: “Beh, se è vero perché non ha denunciato subito?”. Ecco, vorrei dire a queste persone ignobili di non aprire la bocca solo per dargli fiato e di informarsi prima di dire idiozie. In Italia, quando fai una denuncia per violenza, molestie o stalking, ti rimandano a casa o, nel migliore dei casi, si prendono la querela e poi nessuno fa niente! E poi c’è chi addirittura viene denunciata per calunnia perché è la sua parola contro quella dell’aggressore !!!

rogatiIn passato sei stata vittima di un’aggressione che hai denunciato nelle sedi opportune. Ci vuoi raccontare com’è andata?
E’ andata esattamente come ti ho appena detto. Ho subìto 10 anni di processo da innocente per poi essere assolta. Non solo vittima di violenza, ma anche vittima di un sistema giudiziario fallato e spietato. Io sono italo-britannica e ti garantisco che in Gran Bretagna MAI sarebbe accaduto quello che mi è successo qui. Questo è un Paese di invidiosi. Ad una bella donna non le si perdona mai nulla. Se poi, oltre alla bellezza, si è anche intelligenti, solari, famose e coraggiose, allora non hai scampo; dritta nella bocca del leone! L’esempio su tutti è Asia Argento. Il modo in cui è stata trattata in Italia mi fa vergognare di vivere in questo Paese. E la cosa che mi ferisce è aver visto donne scagliarsi contro di lei e contro le altre ragazze che hanno denunciato di essere state vittime di violenza. Le attrici poi mi hanno profondamente delusa. Tutte zitte fino a quando non hanno capito che stavano facendo una figura di m…. e allora si sono sprecate a mettere il loro nome su un foglio inutile contro la violenza sulle donne. Mi chiedo dov’erano quando le loro colleghe o le altre avevano bisogno di un loro supporto. Che ipocrisia!

Sei vegana, puoi spiegare meglio, a chi ancora non dovesse saperlo, in cosa consiste questa dieta e il perché di questa scelta?
Essere vegani significa non mangiare animali né derivati e non utilizzare nessun prodotto che ne contenga delle componenti o che sia stato sperimentato su di loro. Lo sono da quando ero adolescente perché ho sempre trovato macabro nutrirsi di creature senzienti. Oltre al fatto che, finalmente, si sta capendo che è anche profondamente nocivo per la salute. Chi dice di amare gli animali e poi se li mangia ha dei problemi di connessione con la realtà. E’ questo specismo che sta distruggendo il Pianeta.

Sei di origini britanniche, lasceresti l’Italia per la Gran Bretagna?
Io già faccio avanti e indietro con Londra. E’ la mia città del cuore.

Sappiamo che sei appassionata anche di politica. Cosa pensi dell’attuale momento politico italiano anche a seguito del recente risultato elettorale?
Penso che sia imbarazzante che ci siano stati così tanti cittadini che abbiano votato il Movimento 5 stelle. A dire il vero a me imbarazza anche solo che ne esista uno di italiano che possa affidarsi a quella gente.

rogatiSei credente?
Credo nella bontà e nella malignità dell’essere umano. Come si può credere in un Dio “buono e giusto” quando si osservano tragedie come quella dello sterminio che è in atto in Siria???

La tua opinione su Roma e su quello che, secondo te, la contraddistingue e la fa amare al di là dei mille problemi.
Roma è ormai in un totale stato di abbandono. Mi dispiace molto vedere come si è ridotta. Non sono poi così convinta che i romani la amino ancora oggi sempre e comunque. E’ una città sporca, degradata, in mano alla delinquenza e invasa dagli zingari e non solo. Siamo tutti orgogliosi di essere nati nella città più bella del Mondo è ovvio, ma se scegliere di restare a viverci significa subìre continui furti, rischiare la vita su strade distrutte, non sentirsi protetti dallo Stato ed essere ostaggio degli extracomunitari e dell’illegalità, beh allora mi dispiace ma preferisco dare priorità alla qualità della mia vita e a quella della mia famiglia scegliendo un luogo dove possa sentirmi sicura e tutelata.

Chiudiamo questa intervista con un saluto per i lettori di ViviRoma web Magazine
UN GRANDE BACIO ALLA FAMIGLIA DI VIVIROMA E A TUTTI I SUOI LETTORI !!!

 

rogatiLodovica Mairè Rogati è un’attrice, sceneggiatrice e conduttrice italiana di origini britanniche. Nata a Roma si laurea giovanissima in Scienze Della Comunicazione con indirizzo Giornalistico. Inizia sin da subito a collaborare con alcune importanti riviste di natura e viaggi (tra le più note Autocapital Travel e Travel Viaggi). Grazie a queste esperienze professionali Lodovica Mairè scopre quello che diventerà uno dei suoi amori più grandi: l’Africa.

Curiosa, eclettica e piena di passioni, Lodovica Mairè Rogati intraprende la sua carriera di attrice nel 2005, mentre nel 2006 ottiene la sua prima trasmissione televisiva in onda sulla Rai, “Tabù Show”, per la quale ha collaborato anche come autrice. La trasmissione ottiene un ottimo riscontro in termini di ascolti. Il 2006 si conferma un anno importante per la carriera di Lodovica Mairè Rogati in quanto l’attrice riesce ad ottenere un ruolo come co-protagonista nel film “Deadly Kitesurf”, diretto da Antonio De Feo. Questo film consentirà all’attrice di unire le sue due più grandi passioni: il cinema e l’Africa, la pellicola è infatti interamente girata nel continente africano.

Nel 2007 ha un nuovo ruolo da co-protagonista nella commedia con Massimo Boldi “Matrimonio alle Bahamas” e nel 2010 su Rai Uno conduce “Buon Compleanno Miss Italia nel Mondo”. Nello stesso anno presenta la serata di beneficenza “Oncologia per l’Africa” e viene scelta infatti per interpretare Giusy Vasto nella seconda stagione de “Il Commissario Manara”.

Nel 2014 recita sul grande schermo nel film “Pane e Burlesque” ed entra a far parte del cast della seconda stagione de “Il Giovane Montalbano”. Nel 2015 è impegnata sul set della nuova serie tv “Squadra Mobile – Operazione Mafia Capitale”. Nel 2018 tornerà al cinema grazie alla sua presenza nel cast del film “Loro” di Paolo Sorrentino.

Da sempre in prima linea nella difesa dei diritti dei più deboli, nel 2013 fonda l’associazione “IO NON CI STO”. E’ impegnata da sempre nella lotta per i diritti degli animali ed è, inoltre, una grande sostenitrice della dieta vegana che segue ormai da molti anni.

guarda anche: https://www.viviroma.tv/category/attualita/interview/

Scrivi a: redazione@viviroma.tv
Share.

About Author

ViviRoma

Il Gruppo ViviRoma fondato da Massimo Marino nel 1988, nasce come giornale murale per ampliarsi nel tempo in un magazine, TV e WEB.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: