“Natural Heritage” Giornata Internazionale del Perdono 2020

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Sabato 14 marzo, al Campidoglio, una giornata dedicata alla riscoperta della profonda interconnessione tra Uomo e Natura.

Ospiti Alex Bellini, Daniel Lumera, Franca Giansoldati, Immaculata De Vivo, Maria Pilar Cases Lopetegui, Paolo Masini, Manlio Masucci. In collegamento video Vandana Shiva, modera Giovanna Melandri.

Può esistere un nuovo paradigma per affrontare le tematiche ambientali e la delicata connessione tra tutte le forme di vita?

Sabato 14 marzo, presso la Sala della Promoteca del Campidoglio (ingresso gratuito previa registrazione su Eventbride, “GIP 2020 NATURAL HERITAGE”), l’annuale appuntamento con la “Giornata Internazionale del Perdono”, giunta quest’anno alla quinta edizione.

Organizzato da My Life Design Onlus, l’evento internazionale laico e indipendente sarà dedicato al “Natural Heritage” con lo scopo di celebrare un nuovo senso e significato del perdono come strumento indispensabile per riscoprire la profonda interconnessione tra Uomo e Natura.

Per diffondere una nuova cultura fondata sui valori di cooperazione, responsabilità e consapevolezza, dalle 15:00 alle 18:30, si alterneranno gli interventi di Alex Bellini, esploratore e attivista, Daniel Lumera, ideatore del metodo My Life Design® e dell’International School of Forgiveness, Franca Giansoldati, giornalista e autrice di “L’alfabeto verde di Papa Francesco”, Immaculata De Vivo, professoressa di epidemiologia all’Harvard School of Medicine, Maria Pilar Cases Lopetegui, presidente del Geoparco Mondiale UNESCO Origens, Paolo Masini, presidente Roma Best Practises Award e Manlio Masucci responsabile comunicazione della Fondazione Navdanya International.

Modera Giovanna Melandri, presidente di Human Foundation, rappresentante dell’Italia alla Conferenza ONU di Rio de Janeiro su ambiente e sviluppo del ‘92 e da allora sempre in prima linea sulle tematiche di sostenibilità sociale e ambientale.

Attraverso il dibattito pubblico tra personalità che portano un contributo al confronto sul tema del perdono come valore individuale e collettivo, la Giornata Internazionale del Perdono attribuisce ogni anno il titolo di Ambasciatore del Perdono a personalità, enti, associazioni nazionali ed internazionali che si siano distinti per la loro azione concreta e il loro impegno nella promozione e diffusione del perdono, inteso come attitudine a riconoscere e onorare la vita in ogni sua manifestazione come un Dono.

Quest’anno verranno insignite del riconoscimento Vandana Shiva, scienziata e scrittrice, impegnata da anni nella tutela della diversità biologica e contro gli ogm, che porterà i suoi saluti attraverso un video messaggio di ringraziamento, e Maria Pilar Cases Lopetegui promotrice di percorsi di consapevolezza iniziati nel Geoparco Mondiale UNESCO Origens.

“Esiste un legame indissolubile tra ambiente esterno e ambiente interno, ciò che esiste fuori è prodotto di ciò che abbiamo dentro, della nostra intimità, delle nostre credenze e delle nostre convinzioni – il commento di Daniel Lumera, ideatore della Giornata Internazionale del Perdono – Una risposta costruttiva e inclusiva alle violenze ambientali che la nostra specie sta agendo è possibile partendo dal nostro senso di Identità, dalla consapevolezza di noi stessi.

Possiamo scegliere di essere sorgente di Vita, di progettualità, di cambiamento per un bene comune che riconosciamo, finalmente, come fatto imprescindibile per la qualità della nostra esistenza, della nostra felicità ed evoluzione. È questo lo sguardo che portiamo durante la GIP, costruiremo un ponte tra antiche filosofie e scienze moderne per una rivoluzione verde che mette al centro la parola Consapevolezza”.

La Giornata Internazionale del Perdono ha ottenuto il riconoscimento della Medaglia del Presidente della Repubblica nelle edizioni 2017 e 2018, il patrocinio dell’UNHCR, della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, della Croce Rossa Italiana, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e Turismo, del Ministero della Giustizia, della Regione Lazio e del Comune di Roma Capitale nelle edizioni precedenti.

Media partner dell’iniziativa LifeGate, con il patrocinio dell’Assessorato alle politiche del verde, benessere degli animali e rapporti con la cittadinanza attiva nell’ambito del decoro urbano del Comune di Roma.

Scrivi a: redazione@viviroma.tv
Share.

About Author

ViviRoma

Il Gruppo ViviRoma fondato da Massimo Marino nel 1988, nasce come giornale murale per ampliarsi nel tempo in un magazine, TV e WEB.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: