Mostra Matericità dell’Effimero

Con opere di: Ellen Wolf, Ludovica Baldini, Roberta Ubaldi a cura di Alice Penconi

Sala 1 – Centro Internazionale d’Arte Contemporanea Piazza di Porta San Giovanni, 10 – 001185 Roma
dal 10 marzo al 24 aprile 2021 dal martedì al sabato 16.30 – 19.30

Sala 1 è lieta di presentare la mostra Matericità dell’Effimero, primo appuntamento del progetto Open – Portfolio, che nasce per coinvolgere e dare la possibilità ai giovani artisti di esporre i propri lavori.

effimero

Ludovica Baldini, Blooming, legno e vetro, 52x37x26 cm, 2018

L’esposizione, che vede come protagoniste Ellen Wolf, Ludovica Baldini e Roberta Ubaldi, è caratterizzata da una potente e coinvolgente forza di comunicazione sensoriale e percettiva che affiora e si palesa tramite l’energia cromatica, la potenza dei vari medium e dalle immagini evocate. Le opere riflettono sul concetto di tempo, casualità e fugacità delle tracce. Opere in transizione, esplorate mediante tecniche diverse quali la pittura, stampe fotografiche, installazioni video realizzate utilizzando materie e supporti misti, alquanto diversi tra loro, che creano una comunione unica.

Le tre artiste mettono in opera due livelli temporali facendoli interagire: un tempo oggettivo ciclico, il tempo del divenire del mondo dominato dal caos e dalla mancanza di senso; il tempo dell’eternità, come astrazione assoluta nella quale si cerca di fermare il tempo, il tutto correlato dalla poetica della casualità.
Ellen Wolf (nata ad Aarhus in Danimarca nel 1993; vive e lavora a Roma dal 2012) espone un duplice lavoro grafico giocando sulla contrapposizione, sul contrasto tra il classico contenitore dei momenti per noi preziosi e “la poca rilevanza” data.

Ludovica Baldini (nata ad Alatri nel 1993; vive e lavora a Roma) affronta il tema attraverso la rappresentazione dei resti di una natura morta, facendoci riflettere sul concetto di atemporalità, attraverso osservazioni sensibili che riportate alla mente ci fanno rivivere sensazioni e attimi ormai passati modificandone a volte la realtà.

effimero

Roberta Ubaldi, rust59,olio su lamiera ossidata, 40×40 cm, 2020

Roberta Ubaldi (nata a Terni nel 1965; vive e lavora a Narni Scalo) tramite la sua personale cifra stilistica, con una tecnica estrema e delle cromie ridotte all’osso, utilizza lamiere di ferro in cui l’ossidazione creata dal tempo supera lo status di mero supporto per divenire parte essenziale dell’opera pittorica.

Un catalogo digitale della mostra sarà edito da Sala 1.
Si ringrazia l’Ambasciata di Danimarca in Italia.

Scrivi a: redazione@viviroma.tv

About Author

ViviRoma

Il Gruppo ViviRoma fondato da Massimo Marino nel 1988, nasce come giornale murale per ampliarsi nel tempo in un magazine, TV e WEB.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com