Esistono davvero le vite passate? Rewind su Rai 2 prova a spiegarne l’enigma

Attesa e mistero intorno al nuovo programma. Lo scrittore Alex Raco guiderà VIP e persone comuni in un viaggio nel tempo.

Le serate evento, annunciate negli ultimi palinsesti Rai per quest’autunno, si propongono di spiegare al grande pubblico cosa succede dopo la morte e prima della vita.

Seguendo l’ipotesi suggestiva che la vita non abbia termine, si cercheranno di indagare i confini della coscienza umana per aiutare i protagonisti a scoprire dettagli delle loro vite passate: dove sono vissuti, quali esperienze hanno lasciato dietro di loro e quali si portano con loro nel presente.

Ma chi è il conduttore di Rewind?
Alex Raco, massimo esperto in Europa di un tema così controverso, ha già al suo attivo due bestseller Mondadori. I suoi libri sono pubblicati in 4 lingue e i suoi corsi sono seguiti da migliaia di persone di tutto il mondo.

Chi saranno i VIP che parteciperanno?
Sul programma aleggia un alone di mistero e ancora non si conoscono molti dettagli, anche se Alex Raco ha recentemente espresso sui social il desiderio che uno dei protagonisti sia Raffaella Carrà, “per le sue grandi doti comunicative e personali e la sua capacità di saper sempre precorrere i tempi e rendere semplice e naturale quel che apparentemente sembra complesso e astratto”. Lui stesso ha confessato di esserne un grande ammiratore.

Il programma prevede una prima fase in studio durante la quale, grazie a una tecnica di rilassamento che permette di accedere all’inconscio, i partecipanti potranno ricordare dettagli delle loro vite passate.
A ciò seguirà un’indagine in esterni, a partire da alcuni elementi emersi dall’inconscio, per visitare i luoghi dove hanno già vissuto i protagonisti.

Scrivi a: redazione@viviroma.tv

About Author

ViviRoma

Il Gruppo ViviRoma fondato da Massimo Marino nel 1988, nasce come giornale murale per ampliarsi nel tempo in un magazine, TV e WEB.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.