In poche ore fermati due pirati della strada

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Per uno di loro l’accusa è di omicidio stradale

La Polizia Locale di Roma Capitale ha individuato il pirata della strada che ha causato un incidente in via Prenestina: una mamma e due figlie piccole, ricoverate in codice rosso ed una in prognosi riservata.

I caschi bianchi del V gruppo Prenestino hanno rintracciato l’uomo, un italiano di 32 anni, che subito dopo l’incidente ha abbandonato l’auto, una Fiat Panda, sul posto ed è fuggito, provando a far perdere le sue tracce. Contattato immediatamente il proprietario del veicolo, un uomo di 54 anni residente fuori Roma, ha potuto fornire solo alcuni elementi utili al ritrovamento del conducente del veicolo, il figlio di 32 anni. Nessun testimone sul luogo del fatto.

Gli agenti, solo grazie ad un’accurata ispezione del mezzo, hanno trovato un indizio, dal quale sono risaliti ad un indirizzo in zona tuscolana. Una pattuglia, recatisi prontamente nella località, in un primo momento trovava all’interno dell’appartamento un coinquilino della persona ricercata, che dichiarava di essere estraneo alla vicenda. Solo dopo un paio d’ore di appostamento, gli agenti hanno individuato e bloccato l’uomo: dovrà rispondere di fuga ed omissione di soccorso oltreché di lesioni gravissime, secondo quanto stabilito dall’art 590 bis del Codice Penale.

I fatti risalgono al pomeriggio di domenica, quando in via Prenestina all’altezza di via Tor de Schiavi tre persone a bordo di una Kia Stonic sono rimaste ferite nello scontro con la Fiat. La mamma, una donna peruviana di 32 anni, con le sue due figlie di 4 e 6 anni, sono state tutte ricoverate in codice rosso. La bambina di 6 anni si trova in prognosi riservata.

Si tratta del secondo pirata della strada che, nel giro di poche ore, è stato fermato dalla Polizia Locale, dopo l’arresto, effettuato nella stessa giornata dagli agenti del I Gruppo Trevi, nei confronti dell’autore dell’investimento di una ragazza di 26 anni a Lungotevere de Cenci, avvenuto all’alba di domenica. Anche in quel caso, dopo la fuga ed omissione di soccorso, il conducente, è stato individuato nelle ore immediatamente successive. Ora, per lui, il capo di imputazione è di omicidio stradale. E’ di poco fa, infatti, la notizia del decesso della ragazza a seguito delle gravi lesioni riportate. Il responsabile al momento si trova presso il carcere di Regina Coeli, in attesa di processo.

Il Comando del Corpo di Polizia Locale ringrazia gli agenti per il lavoro svolto con la massima professionalità, che ha permesso di individuare i responsabili di tali crimini, e rivolge un appello alla cittadinanza :“Adottare sempre una condotta responsabile e, in caso di incidente, fermarsi, allertando immediatamente i soccorsi, in presenza di feriti. La tempestività in queste situazioni rappresenta un’opportunità in più per salvare una vita. Resta di primaria importanza la partecipazione dei cittadini nel segnalare gli episodi, fornendo indicazioni che possono rivelarsi utili nelle procedure investigative portate avanti dagli agenti per individuare ed identificare gli autori di simili reati”. Il Comando si unisce al dolore delle famiglie colpite da questi drammi ed esprime loro la massima vicinanza, continuando, nel contempo, nel proprio impegno finalizzato alla prevenzione e repressione di quelle condotte che, oltreché illecite, mettono a rischio la vita dei cittadini.

Scrivi a: redazione@viviroma.tv
Share.

About Author

ViviRoma

Il Gruppo ViviRoma fondato da Massimo Marino nel 1988, nasce come giornale murale per ampliarsi nel tempo in un magazine, TV e WEB.

Leave A Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: