Microcinici, debutto nella narrativa per il cantautore Bussoletti

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Guizzi linguistici, picchi creativi suadenti, ironici, erotici, commoventi, paradossali, che affascinano il lettore, lo seducono, lo incalzano e lo fanno innamorare

perché non esiste fascino più grande di una mente umana che si coalizza con la propria profondità d’animo, con la propria sensibilità, trasformando questa coalizione in parole e testi di spessore.

E Bussoletti -al suo esordio nella narrativa- è l’esempio lampante, palpabile, concreto di tutto ciò con la pubblicazione di “Microcinici. Strane storie di intercettazioni lontane”. Un lavoro atteso, dopo che l’autore era riuscito a duettare col premio Nobel Dario Fo e dopo aver ricevuto diversi premi prestigiosi sui testi tra cui il Dionida e il Lunezia.

Microcinici si presenta come una raccolta di racconti brevi, surreali, riflessivi e riflettenti, avanguardisti e pregni di significato il cui filo conduttore è il cinismo che, secondo l’artista, “è il male di questa società moderna”.

“Fenomenali poteri cosmici in un minuscolo spazio vitale”, direbbe il genio della lampada di Aladino se dovesse descrivere ognuna di queste micro pillole bussolettiane, brevi e compresse ma potentissime.

Una lettura frammentaria, modulare per un pubblico sempre di fretta, disattento, distratto dalla frenesia del quotidiano e, quindi, desideroso di poter leggere nei pochi spazi di tempo libero a disposizione. Bussoletti concretizza sapientemente questo bisogno umano in un’opera potentissima che potrebbe essere definita il Netflix della narrativa, capace ossia di poter essere fruita a piccole dosi e quando se ne ha voglia.

Come si può non essere curiosi nel guardare la reazione di un editore davanti a uno scrittore che vomita parole sul pavimento del suo ufficio? E come restare impassibili di fronte a inattese nevicate sulla savana più selvaggia o a robot in grado di riprodurre l’anima di Luigi Tenco?

Questi sono solo alcuni esempi dei racconti che Bussoletti ci regala in questa sua opera prima, ben lungi dal poter essere definita un timido esordio. Il tutto contornato dalla coerente, disarmante e, altrettanto surreale copertina dell’artista Max Ferrigno, conosciuto per la forza espressiva dei suoi lavori.

Insomma, quello di Bussoletti è un esordio nell’editoria con la E maiuscola, degno delle migliori firme che la sua casa editrice Round Robin ha già stampato e distribuito come Gianni Barbacetto (Il Fatto Quotidiano) e Giovanni Tizian (L’Espresso), nonché molte pubblicazioni che coinvolgono Andrea Camilleri e lo stesso premio Nobel Dario Fo.

Microcinici verrà presentato a Roma il 30 OTTOBRE ALLE ORE 18.00 PRESSO LA LIBRERIA FELTRINELLI DI VIA APPIA con l’attore Massimiliano Bruno che leggerà un paio di racconti dal libro.

Scrivi a: redazione@viviroma.tv
Share.

About Author

ViviRoma

Il Gruppo ViviRoma fondato da Massimo Marino nel 1988, nasce come giornale murale per ampliarsi nel tempo in un magazine, TV e WEB.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: