Cyfest, il più importante festival russo di arte e tecnologia, per la prima volta in Italia

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fino al 1 luglio il più importante festival di arte e tecnologia russo alla Reggia di Caserta

Il Cyfest (Cyberfest), il più grande festival di arte e tecnologia russo, realizzato dal Cyland Media ArtLab di San Pietroburgo in varie città del mondo con un percorso itinerante, arriva per la prima volta in Italia e ha scelto la Reggia di Caserta come luogo di elezione.

La XI edizione del Cyfest partita da San Pietroburgo (RU), con tappe a New York (USA), Pechino (CH) e Brighton (UK) approda, fino al 1 luglio 2018, a Caserta (IT).

Nelle Retrostanze del ‘700 – appartamenti nobili della Reggia di Caserta si terrà una mostra d’arte unica che affronta l’impatto della tecnologia sulla vita a cura di Anna Frants, Elena Gubanova e Isabella Indolfi con opere di: Anna Frants, Donato Piccolo, Alexandra Dementieva, Licia Galizia e Michelangelo Lupone, Elena Gubanova e Ivan Govorkov, Franz Cerami, Daniele Spanò, Aleksey Grachev e Sergey Komarov, Maurizio Chiantone. L’inaugurazione con gli artisti si è tenuta venerdì 22 giugno dalle 16.00 alle 19.00.

Gli artisti italiani e russi si misurano con il tema del Cyfest 2017-2018 “Weather Forecast: Digital cloudiness” (Previsioni del tempo: Nuvolosità digitale) attraverso installazioni interattive, sculture cinetiche, video proiezioni e intelligenze artificiali.

Alcune opere d’arte sono state già esposte a New York e San Pietroburgo, altre sono state create appositamente per l’esposizione di Caserta. Da sempre l’uomo cerca di controllare e prevedere le condizioni metereologiche, di e per Natura imprevedibile metafora del futuro, ma, nell’epoca contemporanea, si è spinto oltre la stessa Natura modificando, attraverso comportamenti irresponsabili, finanche il clima planetario, e plasmando, di fatto, il futuro. Al contempo il digitale è una nuvola onnipresente che permea e modifica, come se si indossassero lenti kantiane, tutti gli aspetti della vita sociale: dal lavoro, alla comunicazione, alle relazioni personali, a quelle intime. Viviamo in mondi paralleli, in “nuvole private”, “public cloud”, “community clouds” e “hybridclouds”. L’unico che utilizza il digitale in modo consapevole, piegandolo ai propri bisogni e rispondendo alle proprie domande, è l’artista, che, attraverso le nuove tecnologie, cerca di ri-creare, recuperare e suscitare, ciò che è più profondamente umano: il dubbio, il sentimento e l’emozione.

Dal dialogo del Cyfest con il territorio nasce la collaborazione con il Museo Dinamico della Tecnologia A. Olivetti di Caserta, che mette in mostra alcuni pezzi storici della collezione. Mostra nella mostra sui generis, ma integrante, dell’approfondimento tematico del Cyfest: il tempo. Le macchine da scrivere Olivetti, come reperti archeologici, ci raccontano di una storia non molto lontana, che ha precorso i tempi, affermando il concetto dell’integralità tra uomo, tecnologia e territorio, facendo dell’arte, della letteratura e del design il fulcro dell’impresa sostenibile.

Il CYFEST è organizzato annualmente da Cyland Media Art Lab, un’organizzazione no profit fondata nel 2007, con sede a San Pietroburgo e New York, che ha lo scopo di promuovere l’interazione tra le nuove forme di arte e le tecnologie più avanzate. Nei suoi 11 anni di attività, il CYFEST ha creato ponti e scambi culturali tra la Russia e il resto del mondo, ospitando 236 artisti e 37 curatori provenienti da USA, Germania, Giappone, Canada, Argentina, Brasile, Finlandia, Italia, Filippine e organizzando mostre a Mosca, New York, Bogotá, Mexico City, Londra, Berlino, Tokyo e in tante altre città in tutto il mondo, collaborando con prestigiosi partner quali The State Hermitage Museum, Pratt Institute, Leonardo/ISAST e l’NCCA di San Pietroburgo.

(Sito web: CYFEST)

La manifestazione è realizzata in collaborazione con la Reggia di Caserta; con il contributo di One Market Data; con il patrocinio della Regione Campania; con il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee; con il patrocinio di Fondazione Idis – Città della Scienza, Fondazione Banco di Napoli, Consolato Onorario della Federazione Russa in Napoli; in network con Seminaria Festival, Accademia di Belle Arti di Napoli, 012 Factory, Interferenze Festival, Museo Dinamico della Tecnologia – Adriano Olivetti di Caserta; media partner Digitcult.

La mostra, allestita nelle Retrostanze del ‘700 (Sale Ex-Terrae Motus) – appartamenti nobili della Reggia di Caserta sita in Viale Douhet, 2/a, 81100 Caserta CE, si potrà visitare fino al 1 luglio 2018 nei giorni e negli orari di apertura del monumento, con il biglietto di ingresso per gli appartamenti storici, senza costi aggiuntivi (info sul sito ufficiale: Reggia di Caserta).

Teaser Cyfest Caserta:

Video Reggia di Caserta:

Scrivi a: redazione@viviroma.tv
Share.

About Author

ViviRoma

Il Gruppo ViviRoma fondato da Massimo Marino nel 1988, nasce come giornale murale per ampliarsi nel tempo in un magazine, TV e WEB.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: