Birra anti-spreco che nasce dal pane

Al Ballo delle debuttanti di Eataly Roma c’è un’invitata speciale, pronta a fare il suo ingresso nel bel mondo brassicolo.

Si può combattere lo spreco alimentare… con un sorso di birra? Assolutamente sì! Dall’incontro tra Slow Food Italia, il birrificio Alta Quota di Cittareale (Rieti) e Eataly è nata AncestrAle, la birra che impiega il pane raffermo per ottenere una bevanda dal sapore antico.

L’originale idea di Roberto Muzi, consigliere nazionale di Slow Food Italia e formatore dei Master of Food, è stata sposata immediatamente da Claudio Lorenzini, titolare del birrificio Alta Quota, una realtà artigianale piccola ma creativa che in breve tempo ha portato le sue creazioni alla ribalta nel Lazio e in tutta Italia, senza arrendersi nemmeno al tragico sisma del Centro Italia nel 2016.

Il birrificio ha investito molto sul progetto, adattando il suo impianto a sostenere questa nuova produzione senza ricarico sui costi finali. Serviva però una materia prima di qualità, quella che ha fornito Eataly Roma Ostiense: il pane da cui nasce AncestrAle, infatti, è quello avanzato dalla panetteria del punto vendita prodotto con le farine del Mulino Marino macinate a pietra.

Venerdì 9 marzo dalle ore 18, in occasione della festa delle birre artigianali di Eataly Roma Ostiense (piazzale XII Ottobre 1492), ci sarà la prima occasione per assaggiare la birra anti-spreco.

All’incontro di presentazione intervengono il fondatore e curatore di Cronache di Birra Andrea Turco, la vicepresidente di Slow Food Italia Sonia Chellini, il formatore dei Master of Food e consigliere nazionale di Slow Food Italia Roberto Muzi e il direttore commerciale del birrificio Alta Quota Emanuela Laurenzi.

Vi aspettiamo quindi a Il Ballo delle Debuttanti, appuntamento di apertura della Settimana della Birra Artigianale di Eataly organizzato in collaborazione con Cronache di Birra: quindici birre inedite provenienti da altrettanti microbirrifici italiani, riunite in un unico evento.

La birra AncestrAle sarà disponibile presso Eataly e in vari pub e locali segnalati da Osterie d’Italia. Una parte del ricavato della vendita è destinato alla campagna di Slow Food Menu for Change e servirà a finanziare i progetti di tutela, educazione e sensibilizzazione portati avanti dall’Associazione a livello internazionale.

guarda anche: http://www.viviroma.tv/category/attualita/eventi/

Scrivi a: redazione@viviroma.tv

About Author

ViviRoma

Il Gruppo ViviRoma fondato da Massimo Marino nel 1988, nasce come giornale murale per ampliarsi nel tempo in un magazine, TV e WEB.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.