Lettera aperta del mondo dell’arte e della cultura a sostegno della direzione artistica del Teatro di Roma

Pinterest LinkedIn Tumblr +
La condivisione di questa lettera aperta è un gesto voluto da un gruppo eterogeneo di persone che hanno deciso di prendere posizione rispetto al clamore che si è sviluppato in queste settimane intorno al Teatro di Roma.

Con questa lettera non intendiamo addentrarci nella vicenda amministrativa e nelle successive polemiche mediatiche. Su quel fronte, come tutte/i, attendiamo chiarimenti e trasparenza, ma non possiamo aspettare oltre per esprimere il nostro pensiero anche perché la mescolanza tra elementi reali e affermazioni non confermate non fa che acuire il clima di post-verità in cui la questione rischia di essere sprofondata.

Quel che ci preme è fare emergere la realtà che questo velo di nebbia sta cercando di occultare: il tentativo di interrompere sul nascere un’operazione di rinnovamento radicale della politica culturale e della pratica artistica di un teatro nazionale. Operazioni di rinnovamento che sono emerse, per quanto a fatica, anche in altri luoghi e spazi istituzionali negli ultimi anni.

Crediamo che il teatro pubblico abbia bisogno di un profondo cambiamento della sua governance e dei modelli di gestione del denaro pubblico. Ma critiche legittime non possono diventare il pretesto per colpire tutt’altro obiettivo e sortire tutt’altro effetto. Soprattutto in una città che ha già visto ben due direttori artistici decisi ad apportare seri cambiamenti all’istituzione teatrale essere fermati da questioni “burocratiche”.

Quello che abbiamo osservato in questi mesi al Teatro di Roma, a dispetto del poco tempo avuto a disposizione a causa del momento straordinario, è l’organicità del progetto artistico di Giorgio Barberio Corsetti e Francesca Corona che punta alla rinascita e alla internazionalizzazione dei palcoscenici della città, innescando un processo di restituzione degli spazi di espressione ai loro veri proprietari, che sono la comunità degli spettatori e quella degli artisti.

In soli sei mesi uno dei principali motivi di arretramento del rapporto tra il teatro e la città è stato superato da una apertura e da una abitabilità degli spazi che l’Italia non ha quasi mai sperimentato nelle istituzioni, ma nei luoghi informali, nei festival e in quegli spazi indipendenti così malamente evocati, che sono invece una delle spine dorsali della cultura del nostro Paese.

Lo avvertiamo con forza in questi giorni, così difficili per tutte/i, anche nel nostro settore: l’orizzonte da costruire è quello di un cambiamento che sia ampio, profondo, radicale, capace di mettere di nuovo al centro il valore delle idee e dei progetti, rigenerando le sinergie e le finalità.
Per tutti questi motivi, vogliamo esprimere il nostro sostegno visione del teatro pubblico di questa direzione artistica.

I primi firmatari (in ordine alfabetico):

Agrupacion Senor Serrano – Isla Aguilar/BE Festival (Birmingham) – Annamaria Ajmone – Francesco Alberici – Tony Allotta – Valeria Almerighi – Altre Velocità/Redazione intermittente sulle arti sceniche – Anna Amadori – Carmine Amoroso – Filippo Andreatta – Asia Argento – Norman Armour – Associazione UBU per Franco Quadri – Vanni Attili – Martina Badiluzzi – Roberto Baldassarri – Marta Barbaresi – Monica Bartocci – Elisa Bartolucci – Beatrice Bartoni – Elena Bastoni – Sian Baxter / Take me somewhere Festival – Alessio Bergamo – Chiara Bersani – Francesca Bianchi – Paola Bianchi – Fiora Biasi – Marta Bichisao – Daria Bignardi – Elena Biserna – Giacomo Bisordi – Daniel Blanga-Gubbay/Kunstenfestivaldesarts (Bruxelles) – Barbara Bloin – Agrupacion Senor Serrano – Benedetta Boggio/Angelo Mai Bluemotion – Chiara Boitani – Barbara Boninsegna – Centrale Fies – Adriana Borriello – Silvia Bottiroli – Emanuele Braga – Stéphane Braunschweig/Odéon Théâtre de l’Europe – Luca Brinchi – Dario Caccuri – Chiara Caimmi – Lucia Calamaro – Silvia Calderoni – Ilenia Caleo – Marco Canuto – Felice Cappa – Francesco Careri – Massimo Carosi/Danza Urbana – Brianda Carreras – Ilenia Carrone – Stefania Carvisiglia – Andrea Capaldi/Maremilano – Enrico Casagrande/Motus – Chiara Casarico – Mara Oscar Cassiani – Claudia Castellucci – Romeo Castellucci – Marco Cavalcoli – Marco Cavicchioli – Filippo Ceredi – Carlotta Cerqueti – Pasquale Catalano – Marta Ciappina – Gaia Clotilde Chernetic – Fabio Cherstich – Andrea Collavino – Collettivo Cinetico – Lou Colombani/Festival Parallèle (Marsiglia) – Fabio Condemi – Giulia Conte – Cosmesi – Anna Cremonini – Alessandra Cristiani – Veronica Cruciani – Claudio Cupellini – Alvin Curran – Marco D’Agostin – Azzurra D’Agostino – Eleonora Danco – Emma Dante – Luigi De Angelis – Ermanno De Biagi – Emanuela De Cecco – Daria Deflorian – Matteo Delai – Cristiano De Fabritiis/Angelo Mai Bluemotion – Sylvia De Fanti/Angelo Mai Bluemotion – Fra De Isabella – Leonardo Delogu/ DOM- – Cinzia De Lorenzi – Anna de Manincor/Zimmerfrei – Monica Demuru – Simone Derai – Andrea De Rosa – Alessandra De Santis/Danae Festival – Emilia Di Battista – Claudia Di Giacomo – Carlo Di Maio – Filippo Dini – Piersandra Di Matteo – Linda Di Pietro – Michele Di Stefano – Lorenzo Donati – Edoardo Donatini – Marina Donatone – Cynthia Edul – Fanny & Alexander – Fabrizio Favale – Mateo Feijóo/Matadero (Madrid) – Lisa Ferlazzo Natoli – Alessandro Ferroni – Salvo Ficarra – LJ Findlay-Walsh / Take me somewhere Festival / Tramway Glasgow – Francesco Fiorentino – Maziar Firouzi – Goffredo Fofi – Maddalena Fragnito – Marta Franceschelli – Valentina Furian – Christiana Galanopoulou/MIRfestival (Atene) – Nicola Galli – Giulia Galzigni – Roberto Gandini – Carlotta Garlanda . Tania Garribba – Eva Geatti – Laura Gennatiempo – Lisa Giardino – Kanuti Gildi/ SAAL (Tallin) – Raffaella Giordano – Daniela Giuliano – Matthieu Goeury/Vooruit (Gent) – Francesca Grilli – Annalisa Grisi – Chiara Griziotti – gruppo nanou – Mariangela Gualtieri – Chiara Guidi – Giulia Guiducci – Fabiana Iacozzilli – Industria Indipendente – Tiziano Iuculano – Christiane Jatahy – Jacopo Jenna – Didier Juillard/Odéon Théâtre de l’Europe – Kinkaleri – Lola Kola – Joris Lacoste/Encyclopédie de la parole – Chiara Lagani – Francesco Lamantia – Lucina Lanzara – Roberto Latini – Mylène Lauzon/La Bellone (Bruxelles) – Sara Leghissa – Anna Leo – Lorenzo Letizia – Amy Letman/Transform (Leeds) – Ashai Lombardo – Salvo Lombardo – Lo stato dei luoghi / Rete nazionale rigenerazione urbana a base culturale – Francesca Macrì – Ilaria Mancia – Massimo Marino – Emilia Martinelli – Marco Martinelli – Federica Martucci – Lucia Mascino – Fabio Masi – Masque Teatro – Angela Mattox – Francesca Mazza – Michele Mele – Rossella Menna – Luisa Merloni – Charles Mesnier/La Criée Théatre National (Marsiglia) – Andrea Milano – mk – Marco Molduzzi – Ermanna Montanari – Aglaia Mora – Antonio Moresco – MP5 – Muta Imago – Laura Nardinocchi – Roberta Nicolai – Attilio Nicoli Cristiani/Danae Festival – Daniela Nicolò/Motus – Giorgia Ohaesan Nardin – Laura Novelli – Jacky Ohayon/Théâtre Garonne (Toulouse) – Marta Oliveres – Marta Olivieri – Regina Orioli – Miguel Oyarzun/BE Festival (Birmingham) – Francesco Pacifico – Elisabete Paiva/Festival Materiais Diversos (Lisbona) Pau Palacios – Agrupacion Senor Serrano – Alice Palazzi – Panzetti/Ticconi – Velia Papa/Marche Teatro – Maddalena Parise – Giulia Pastore – Lorenzo Pavolini – Francesca Pennini – Aurora Peres – Andrea Pesce/Angelo Mai Bluemotion – Giorgina Pi/Angelo Mai Bluemotion – Valentino Picone – Cesare Pietroiusti – Daniele Pilli – Veronica Pinna – Chiara Pirri – Alfredo Pirri – Monica Piseddu – Andrea Pizzalis – Emanuele Pontecorvo – Gabriele Portoghese – Lorenzo Profita – Giovanni Prosperi – Ondina Quadri – Metella Raboni – Gianluca Rame – Silvia Rampelli – Priit Raud / SAAL (Tallin) – Barbara Regondi – Michele Riondino – Cristina Kristal Rizzo – Christian Rizzo/Choregraphic National Centre (Montpellier) – Tiago Rodrigues/Teatro Nacional D. Maria II (Lisbona) – Federica Rocchi/periferico – Cesare Ronconi – Federica Rosellini – Teresa Ruggeri – Roberto Rustioni – Rodolfo Sacchettini – Marta Salaroli – Ugo Sanchez – Santarcangelo Festival – Federica Santoro – Maria Irene Sarti – Lucio Saviani – Roberta Scaglione – Attilio Scarpellini – Francesco Scarsalletta – Michael Schermi – Vincenzo Schino – Alessandro Sciarroni – Alex Serrano / Agrupacion Senor Serrano – Toni Servillo – Alessandra Severa – Virgilio Sieni – Massimo Sigillò Massara – Ambra Senatore – Elise Simonet/Encyclopédie de la parole (Parigi) – Michele Sinisi – Valerio Sirna/DOM – Sotterraneo – Loredana Spadoni – Daniele Spanò – Christa Spatt/Tanzquartier (Vienna) – Marta Sponzilli – Gianni Staropoli – Benno Steinegger – Antonio Tagliarini – Serena Terranova /periferico – Marine Thévenet – Luca Tilli – Daniele Timpano – Andrea Trapani – Emanuele Trevi – Annika Uprus/SAAL Biennaal festival (Tallin) – Gabriele Vacis – Emanuele Valenti – Valentina Valentini – Emilia Verginelli/FIVIZZANO 27 – Valerio Vigliar/Angelo Mai Bluemotion – Emanuela Villagrossi – Valentino Villa – Francesco Villano – Luca Vitone – Mathilde Villeneuve/BUDA (Courtrai) – Maria Paola Zedda – Alexander Zeldin – Federica Zacchia – Gaia Zoppi

Per aggiungere la propria firma scrivere a: letteraaperta2020@gmail.com

Scrivi a: redazione@viviroma.tv
Share.

About Author

ViviRoma

Il Gruppo ViviRoma fondato da Massimo Marino nel 1988, nasce come giornale murale per ampliarsi nel tempo in un magazine, TV e WEB.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.