Pascucci (IIC), su Casapound paghi anche la politica connivente che ha consentito l’abuso

Lo comunica in una nota l’Ufficio Stampa di Italia in Comune.

“Ad agosto 2018, in qualità di consigliere della Città Metropolitana di Roma, scrissi al ministro dell’Interno, al Prefetto e al sindaco di Roma per chiedere notizie dello sgombero della sede abusivamente occupata dai neofascisti. Una lettera alla quale nessuno fino ad oggi si è mai degnato di rispondere, a dimostrazione di come nella Capitale una certa politica e una certa destra fascista abbia potuto contare su appoggi e torbide connivenze”. Così Alessio Pascucci, coordinatore nazionale di Italia in Comune.

“Oggi la Corte dei Conti chiede i danni per questo vergognoso abuso compiuto a poche centinaia di metri dalla sede del Viminale, luogo dove l’attuale Ministro Salvini transita purtroppo per poche ore, preferendo essere in giro a spese degli italiani per farsi selfie ed esultare quando vengono chiusi porti a donne e bambini stranieri.

Quel palazzo del Demanio è occupato da 15 anni, sono passate giunte di centrosinistra e centrodestra ma la cosa più grave è che lì ha sede abusivamente un partito politico fascista, cosa vietata dalla nostra Costituzione.

Comprendiamo l’imbarazzo della Sindaca alle prese con una città in totale abbandono e capiamo anche il silenzio di Salvini che di Casapound
ama vestire le felpe con gli sloogan prima gli italiani, che però valgono solo quando ad occupare e a rubare denaro pubblico sono gli stranieri e i non fascisti”, conclude Pascucci.

Scrivi a: redazione@viviroma.tv

About Author

ViviRoma

Il Gruppo ViviRoma fondato da Massimo Marino nel 1988, nasce come giornale murale per ampliarsi nel tempo in un magazine, TV e WEB.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com