Roma: ex sindaco Marino, mecenati scappano per scarsa certezza e trasparenza

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
Lo comunica in una nota l’Ufficio Stampa del prof. Ignazio Marino.

“Amo Roma e molto spesso penso a tutto quello che si potrebbe fare per esaltare il patrimonio artistico, archeologico e culturale della città più bella del mondo. Come feci da sindaco, mi capita spesso di incontrare mecenati che vorrebbero donare milioni di dollari a Roma ma vorrebbero la certezza del loro utilizzo celere e trasparente. Io spiego loro, con tanta sofferenza, che non sono più in grado di promettere questa certezza, e ne soffro molto”. Così l’ex sindaco di Roma, Ignazio Marino, in un’intervista rilasciata ad affaritaliani.it racconta la sua vita dopo la scelta di tornare negli Stati Uniti, per riprendere la sua attività di chirurgo e professore universitario presso la Thomas Jefferson University di Philadelphia, dove attualmente è Vice President per gli Affari Strategici.

Quello di fare il medico “è un sogno coltivato fin dall’adolescenza”, racconta Marino, specializzato in trapianti, perché “è impagabile la gioia nel poter restituire la vita a chi la sta perdendo”. L’ex sindaco non ha sassolini nelle scarpe da togliersi e alla domanda sul Pd, risponde: “ho scritto un libro su quel periodo (Un marziano a Roma), ma oggi è il passato”. Quanto alla sanità pubblica c’è un elemento che in qualche modo accomuna quella italiana al modello americano, la disparità di trattamento: “non è accettabile che chi nasce in Calabria non abbia le stesse possibilità di cure, la stessa qualità di cure di chi nasce in una regione del Nord”. Del resto in Italia “si è perduta la possibilità di ragionare con serietà e il necessario approfondimento sulle questioni più rilevanti: il lavoro, i diritti civili, l’immigrazione, la scuola, la sanità, la laicità dello Stato. Ormai gli slogan sui social media contano più di ogni altra cosa e azzerano la riflessione e il dibattito obiettivo”.

Sull’attuale situazione di crisi della Capitale l’ex sindaco Marino ha le idee chiare: “vedo che si rivalutano ogni giorno le idee e i progetti che avviai. Dalla necessità del mecenatismo al chiedere agli autisti degli autobus e della metropolitana di lavorare almeno quanto a Napoli. Non mi interessa che venga riconosciuto quanto io e la mia giunta abbiamo fatto: spero che al di là delle parole si agisca davvero nell’interesse della Capitale d’Italia, la Capitale di un Paese del G7”.

L’INTERVISTA AD AFFARITALIANI.IT

http://www.affaritaliani.it/politica/palazzo-potere/ignazio-marino-ormai-contano-solo-gli-slogan-sui-social-media-586772.html

Scrivi a: redazione@viviroma.tv
Share.

About Author

ViviRoma

Il Gruppo ViviRoma fondato da Massimo Marino nel 1988, nasce come giornale murale per ampliarsi nel tempo in un magazine, TV e WEB.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: